La mastiha

La mastiha è una rara e preziosa resina estratta mediante la lacrimazione dall'albero della Mastiha (Pistacia Lentiscus) che avviene “miracolosamente” solo ed esclusivamente sull’isola di Chios nel mar Egeo, la terra natale del poeta Omero, scrittore dell’Iliade e l’Odissea. 

dal 400 a.C.

La Mastiha conosciuta da millenni e’ nota per le sue proprieta’ antiossidanti, antimicrobiche, antibatteriche, antinfiammatorie e antidiabetiche ufficialmente riconosciute dalla scienza e utilizzata in farmacologia, cosmesi, alimentazione e bevande come il noto distillato.

Entra nel nostro
convivio store

La mastiha nei cocktails

consulta la nostra drink list

La mastiha in cucina

il ricettario

La mastiha per il benessere

La tecnica di coltivazione e lavorazione rimasta immutata da millenni, segue tempi imposti dalla natura ed e’ eseguita ancora oggi a mano nei villaggi dell’isola.

La raccolta della Mastiha avviene esclusivamente da luglio a settembre ed ogni pianta che inizia a produrre dopo circa 5 anni e puo’ vivere oltre un secolo, genera mediamente 300 gr di linfa all’anno.

Tutta la produzione della Mastiha e’ sotto la tutela e controllo ferreo dell’associazione dei coltivatori di Chios che, selezionandola in appositi laboratori ne attribuisce il valore in base a criteri di qualita’, dimensione e purezza come fosse un diamante.

Entra nel nostro
convivio store

La mastiha nei cocktails

consulta la nostra drink list

La mastiha in cucina

il ricettario

La mastiha per il benessere

Nel 1997 la MASTIHA ha acquisito la Denominazione di Origine Protetta (DOP).
Dal 2014 la coltivazione e la lavorazione della MASTIHA DI CHIOS e’ diventato patrimonio culturale immateriale dell’umanita’ sotto la tutela dell’UNESCO. Nel 2015 la MASTIHA e’ stata riconosciuta dall’Agenzia Europea per i medicinali (E.M.A.) come rimedio per i disturbi gastrici e per il trattamento delle ferite cutanee.

Tra storia e leggenda

Il commercio della Mastiha
L’isola di Chios raggiunse la massima prosperita’ grazie alla ‘Famiglia dei Giustiniani’ che non era una stirpe, ma l’unione di 12 famiglie genovesi che nel 1349 costituirono “Maona”, la prima societa’ per azioni documentata dalla storia nata per la gestione commerciale di Chios e le isole vicine.

La Famiglia dei Giustiniani amministro’ l’economia e le preziose risorse l'isola di Chios per conto della Repubblica di Genova fino al 1566, quando con l’inganno furono attaccati dai turchi che massacrarono gli abitanti e distrussero ogni risorsa, incluso tutte le piantagioni di MASTIHA ripristinate solo decenni dopo.

Religione
Nel credo religioso l’isola di Chios occupa un posto importante anche per la spiegazione della lacrimazione dell’albero della MASTIHA, che iniziò dopo il martirio di San Isidoro di Chios, da allora riconosciuto come il protettore dei marinai. Isidoro fu un soldato della Marina Romana che non ripudio’ la sua fede cristiana dopo l’editto dell’imperatore Decio, che voleva tutti i suoi soldati convertiti al paganesimo. Per quel suo rifiuto Isidoro fu martirizzato legato ad un Lentisco, l’albero della MASTIHA, che da allora, una volta all’anno inizio’ a lacrimare la linfa miracolosa. Dal 1627 la testa di San Isidoro di Chios e’ conservata nella Basilica di San Marco a Venezia. 

mappa antica di Chio

massacro di Chios

Moneta di Chio con S. Isidoro

Curiosità e notizie


Cristoforo Colombo rimase cosi’ colpito dalle proprieta’ e preziosita’ della MASTIHA da far scrivere in una lettera inviata alla Regina di Spagna che, se il valore per tutte le spezie era calcolato a peso d’argento, per la MASTIHA doveva essere calcolato a peso d’oro.

I secolo d.C.

Il "bon vivant" romano Marcus Gaious Apicious, noto gastronomo
vicino alla famiglia imperiale di Giulio Cesare descrive che per gli ospiti illustri,
veniva preparata una bevanda a base di vino, chiamata "vino di spezie"
con miele, MASTIHA e mirto da servire calda o fredda.

I secolo d.C.

Dioscoride (I secolo d.C.) medico botanico e farmacista greco al tempo
di Nerone, menziona la MASTIHA per la pulizia e sanificazione dei denti,
profumare l’alito e per fare maschere facciali.

201 d.C.

Il padre della galenica Galeno di Pergamo (201 d.C.), menziona
con entusiasmo le proprietà curative della MASTIHA e
la raccomanda per infiammazioni dello stomaco e intestino.

335 d.C.

San Gregorio di Nissa (335 d.C.) vescovo terapeuta greco riconosciuto
come un venerato Padre della Chiesa definisce le proprieta’ dell’alloro,
zafferano, papavero e MASTIHA come un dono di Dio per capacità di cura
dei disturbi umani.

1500

Giovanni da Vigo medico personale di papa Giulio II (1500),
nel suo libro Practica in Arte Chirurgia Copiosa, descrive una ricetta
per le eruzioni cutanee a base di albume d’uovo, olio di oliva, semi di lino,
germogli di pioppo e polvere di MASTIHA.

1534

Lo scrittore francese François Rabelais creatore del gigante Gargantua
pubblicato nel 1534, scrive che il gigante faceva la pulizia dei denti
utilizzando stuzzicadenti fatti dal legno dell'albero della MASTIHA.

1655

Francesco Piacenza, viaggiatore italiano (1655 d.C.) descrive
la MASTIHA come uno stimolante dalle proprietà misteriose e
con il potere meraviglioso di risvegliare ed intensificare i piu’ pigri
stimoli venerei.

1872

Nel 1872, il professore tedesco Georg Ebers durante la traduzione di
un papiro egiziano ritrovato a Luxor, scopri un catalogo di 700 ricette
mediche risalenti al 1500 a.C. Tra gli ingredienti descritti nelle ricette,
veniva citato l'incenso, la mirra, scilla marina, cannabis, galvano, croco,
aloe, coriandolo e MASTIHA.

Convivio

Convivio e’ un piccolo produttore di cioccolato artigianale con sede in provincia di Torino, specializzato nella realizzazione di confezioni integralmente personalizzate.

Dal 2018 e’ importatore ufficiale di prodotti alla Mastiha di Chios fra cui il distillato PSYCHIS, con cui produce un’originale e deliziosa pralina di cioccolato. 

Contattaci